Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 10:00

Carlo Ratti - "Senseable cities" [ ki.01 ]

Per questo evento è disponibile la traduzione Italiano/Inglese/Italiano - Italian/English/Italian translation is available for this event.

Keynote introduttivo alla Plenaria

I progetti finora realizzati dal Senseable City Lab sono sostenibili, ossia è possibile trovare delle fondamenta economiche di praticabilità, andando oltre la dimensione puramente sperimentale? Come le città che collaborano con il team americano stanno "educando" i cittadini a divenire dei sensori viventi dello spazio urbano? Questi i due principali quesiti a cui cercherà di offrire una risposta l'italiano Carlo Ratti nel key note inaugurale di Smart City Exhibition 2012.

L'ingegnere e architetto torinese è da quasi un decennio alla guida del SENSEable City Lab presso il MIT di Boston, un gruppo di ricerca multidisciplinare che ha realizzato tecnologie stupefacenti legate alla città. Grazie al concetto di spazio urbano come Real Time control System, ossia un sistema di controllo in tempo reale, basato su un'architettura che percepisce e risponde attraverso reti e sensori che permettono di raccogliere informazioni in diretta e quindi di interagire, per far funzionare la città in modo nuovo. Secondo Ratti lo spazio urbano rappresenta un vero computer all'aria aperta, un'interfaccia per raccogliere informazioni e fare tutte le cose rese possibili da questo mix di bit e atomi.

Carlo Ratti shares his extraordinary international experience and describes how smart city models are developing around the world addressing economical sustainability, governance, participation and the role of technologies.

Programma dei lavori

Keynote

Ratti
Carlo Ratti Associate Professor of the Practice and Director, - SENSEable City Laboratory, MIT, Cambridge MA, USA Biografia

Architetto e ingegnere, Carlo Ratti insegna al MIT - Massachusetts Institute of Technology, dove dirige il Senseable City Lab, gruppo di ricerca da lui fondato nel 2004 per esplorare e riprogettare le città studiando, in particolare, il crescente sviluppo di sensori e di dispositivi elettronici portatili e le possibilità di queste tecnologie di relazionarsi con l'ambiente catturando dati e flussi in realtime.

Ratti é una figura di riferimento nel dibattito mondiale sulle Smart Cities.

Dopo aver conseguito la doppia laurea europea in ingegneria presso il Politecnico di Torino e l'Ecole Nationale des Ponts et Chausses di Parigi, ha ottenuto un Master of Philosophy e un PhD in Architettura all'Università di Cambridge. E' partner di uno studio con sede a Torino, detiene diversi brevetti, é co-autore di circa 200 pubblicazioni e scrive regolarmente per riviste di architettura quali Domus e vari quotidiani, tra cui Il Sole 24 Ore, La Stampa, Scientific American e il New York Times.

I suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo, dalla Biennale di Venezia al Design Museum di Barcellona, dal Science Museum di Londra al GAFTA di San Francisco fino al MoMA di New York. Il suo Digital Water Pavilion realizzato nel 2008 per l'Expo di Saragozza é stato segnalato dalla rivista TIME come una delle migliori invenzioni dell'anno.

Nel 2010 Blueprint Magazine, nota rivista internazionale di architettura e design, ha citato Ratti tra le 25 persone che cambieranno il mondo del design, nel 2011 Forbes lo ha incluso nella lista dei nomi che è necessario conoscere ("Names You Need To Know") e Fast Company tra i 50 designer più influenti in America.

Attualmente Ratti é anche membro del Council for Urban Management del World Economic Forum, é uno dei direttori dello Strelka Institute for Media, Architecture and Design di Mosca e uno dei curatori del BMW Guggenheim LAB di Berlino.

Chiudi

Torna alla home